Parigi

Il libro che il…

Postato il

“Il libro che il lettore ha sotto gli occhi in questo momento, è da cima a fondo, nel suo insieme e nei particolari, qualunque siano le intermittenze, le eccezioni o le manchevolezze, il cammino dal male al bene, dall’ingiusto al giusto, dal falso al vero, dalla notte al giorno, dall’appetito alla coscienza, dal putridume alla vita, dalla bestialità al dovere, dall’inferno al cielo, dal nulla a Dio. Punto di partenza: la materia, punto d’arrivo: l’anima. Al principio l’Idra, alla fine l’angelo”

Così, con straordinaria capacità evocativa e di sintesi, l’autore de “I Miserabili” descrive, verso la fine del romanzo, la storia da lui narrata, una storia che dovrebbero leggere tutti e che ha la forza di impremersi nella mente come se fosse una storia vera.

p. s….mi mancano poche pagine alla fine…siamo alle barricate del 1832 a Parigi!